Il progetto dello stadio è “catastrofico”. Raggi nei guai

di Redazione

Il Politecnico di Torino ha avanzato pesanti critiche riguardo il progetto sullo Stadio della Roma che gli era stato presentato. Il quadro è stato definito “catastrofico”. La viabilità del progetto Stadio, così come modificato dall’Amministrazione 5Stelle che ha tagliato le opere pubbliche di mobilità pubblica e privata per ottenere la riduzione delle cubature, non funziona. Le previsioni di traffico, simulazioni e analisi non è che siano sbagliate ma non sono, di fatto, esaustive. Mancano verifiche sulle “Grandi problematiche” di macro area: quando si verificano i flussi di traffico nell’area di Tor di Valle, la simulazioni vanno pure bene ma “Occorre tenere conto che tali flussi veicolari devono poter arrivare presso lo Stadio grazie alla rete primaria di contorno che purtroppo non è in grado di smaltirli se non a scapito di gravi disagi collettivi: abbondanti, capillari e distribuiti”. E, quindi, appena si allarga il quadro d’insieme, ecco che la situazione cambia. Diventano infatti enormi i punti interrogativi in caso di traffico intenso. Sono “Troppo evidenti sono le criticità fin da ora riscontrate per poter fornire un giudizio positivo in merito alle possibili ricadute sul traffico stradale capitolino”.  Secondo i professori torinesi l’architettura del progetto potrebbe anche reggere. Ma, a un paio di condizioni, tutte piuttosto onerose economicamente e lunghe come tempistica, come quella di trasformare l’attuale fermata Tor di Valle della Roma-Lido divenga una vera a propria stazione. Lo scrive Il Tempo.