Il Tornatora

Icardi, spunta la clausola per non rivenderlo al club bianconero

di Redazione

Un bond per Icardi. È una semplificazione, ma l’obbligazione che ha prodotto il prestito da 275 milioni rende possibile un’operazione che in altri tempi sarebbe stata al di sopra delle potenzialità finanziarie della Roma. Non partecipando alla Champions League il club dovrà far fronte a un calo dei ricavi del 25-30% sul bilancio da chiudere il 30 giugno 2020. Non si tratta quindi di una cifra da destinare al pagamento del cartellino dell’argentino, ma è un supporto fondamentale per il mercato. Ecco perchè James Pallotta con Icardi sta pensando a un’eccezione sui parametri economici standard. Oltre i soldi da versare all’Inter (che sarebbe pronta a inserire una clausola per impedire un’eventuale cessione dell’argentino alla Juventus dopo un anno), che verrebbero in parte coperti dal cartellino di Dzeko con tanto di preziosa plusvalenza, la Roma dovrebbe offrire a Icardi lo stipendio più alto nella sua storia. Si parla di circa sette milioni di euro, più di quanto la Roma paga oggi Dzeko (sei netti), ma per un centravanti più giovane di sette anni. Un recupero tecnico di Icardi è una concreta speranza di stabilizzazione economica, se anche i giallorossi spendessero 80-90 milioni, potrebbero facilmente riprenderseli nel corso degli anni. Lo scrive il Corriere dello Sport.