Il Tornatora

I valori del Romanismo vanno difesi non dispersi

di Redazione

Il divorzio della Roma dal capitano De Rossi è stato per settimane mascherato, camuffato artatamente da festa. Si può allargare il cuore a un sorriso per l’uscita di scena di un capitano che non avrebbe mai voluto abbandonare quella scena? C’erano un milione di modi per separarsi, la Roma ha scelto il peggiore. Con la tempistica e le movenze dei protagonisti de La Corrida, dilettanti allo sbaraglio. Qui nessuno vuole contestare il “perché”, ma il “come”. Perché esiste il rispetto per la Storia, oltre che per l’età, gli acciacchi e la gestione dell’azienda. Non è solo un discorso di bandiere stracciate guardando da un’altra parte: nell’addio a De Rossi ci sono troppe cose che non fanno parte della logica. Jim Pallotta è libero di fare e non fare ciò che vuole con la Roma, tranne una: non tener conto della Roma. Che non è soltanto una società di calcio, ma anche sentimento. Passione. Amore. Come dimostrato ieri sera da un Olimpico da favola, innamorato perso del suo vanto. E pure dalle lacrime del tifoso Claudio Ranieri, di Bruno Conti, di Francesco Totti. Ecco perché la logica nel calcio, talvolta, dovrebbe lasciare spazio a ciò che sussurra il cuore. De Rossi, qui nessuno può dire il contrario, meritava un’altra fine. Con un Olimpico in lacrime per un dolore che sapeva tanto di rabbia. Non c’era bisogno di un distacco così traumatico, non si avvertiva la necessità di disperdere una tonnellata di Romanismo con la leggerezza, con la faciloneria tipica di chi non sa o non conosce. Il punto, ne siamo convinti, è proprio questo: nella Roma decide chi non sa o non conosce. Lo riporta Il Messaggero.