Garcia: “A Milano per vincere. Mi fido della mia squadra al 200%. Roma-Napoli va giocata all’Olimpico”

Garcia conferenza Roma-Verona PR

Ecco le dichiarazioni rilasciate da Rudi Garcia nella consueta conferenza stampa, alla vigilia di Inter-Roma che andrà in scena domani, sabato 5 ottobre alle ore 20.45:

Le squadre di Mazzarri sono sempre molto organizzate nelle ripartenze. E’ un pericolo dal punto di vista tattico? Che idea si è fatto dell’Inter?

Una buona squadra, sicuramente, che ha giocatori di talento. Giocheranno in casa, è un vantaggio per loro, ma per me non cambia nulla. Ho già detto ai miei giocatori che giocheremo per vincere, in casa o in trasferta. Spero sarà una bella partita.

Abbiamo assistito a due modi diversi di gestire questo primo posto. Una grande euforia dei tifosi e una normalità della squadra. Ce lo conferma. Si aspettava questa maturità?

Siamo tranquilli, la squadra è serena. Quando vinciamo è più facile essere motivati, è vero. Vedremo, facciamo questo mestiere per giocare grandi partite come quella che si sarà sabato

Anche le grandi partite non si giocano, si vincono…

Giocheremo per vincere, sicuramente, ma sarà difficile. Ci saranno 5000 tifosi, una bella cosa. San Siro sarà quasi pieno. Un bel momento da vivere, ma meglio con tre punti alla fine

Roma-Napoli in bilico, questo la disturba? in caso di punti cambierebbe idea

No, il calendario prevedere Roma-Napoli e dobbiamo giocare in casa. Ma vedremo lunedì

Se sarà una bella partita, vince la Roma?

Tutti giocano bene insieme, abbiamo soluzioni sulla panchina e uno spirito di squadra forte. Sicuramente questa partita non sarà facile, ma faremo il massimo per giocare bene e creare problemi all’Inter. C’è da fare attenzione sul piano difensivo

La società ha annunciato l’amichevole in Indonesia. Cosa ne pensa?

Potremmo parlarne più tardi, mi hanno chiesto se era possibile e ho detto di si. Abbiamo 15 giorni in quella sosta e non sarà un problema partire subito dopo la partita con il Sassuolo, avremo tempo per preparare la gara successiva. Se aiuta la società, dobbiamo farla.

Dopo sei vittorie, pensa di aver vinto una rivoluzione?

Rivoluzione è una parola importante in Francia… Non so se è una rivoluzione, è una parola forte per me. E’ solo una stagione in cui abbiamo iniziato bene le cose, solo questo. Per parlare di rivoluzuone bisogna guardare indietro, e non mi piace farlo, guardiamo al futuro e all’Inter. dobbiamo essere concentrati, se vinciamo sarà una cosa grandissima. Dobbiamo prepararci con tutta la concentrazione possibile?

Sarà così grande da farle cambiare idea su una Roma da scudetto?

Sicuramente è troppo presto. Vedremo, questa partita è importante, ma non quanto quelle successive. Tutte le partite sono importanti, ci sono sempre 3 punti in palio. Per il momento siamo primi, questo deve aiutare la sqaudra ad avere fiducia, ma non di più. Può succedere di tutto, ma ora sul piano mentale siamo preparati. Dobbiamo lottare al massimo, se lo facciamo sicuramente faremo risultato.

Sembra che Mazzarri voglia cambiare il suo 3-5-2. Pensa che Mazzarri teme la Roma?

Non penso che cambieranno qualcosa. Per loro le cose funzionano, come per noi. C’è la possibilità di adattarsi un po’ durante la partita, ma penso che troveremo un Inter che giocherà allo stesso modo in cui ha giocato le 6 partite.

Ha affrontato l’Inter con il Lille in Champions. Cosa pensa dell’effetto che può fare San Siro per la sua squadra?

Ai giocatori piace giocare in uno stadio pieno. E’ ancora più bello con questo ambiente.

La Roma deve fare ancora un acquisto: Mattia Destro. C’è una data su quando lo avrà a disposizione?

non ancora, ma sta molto meglio. Non dobbiamo fare le cose velocemente, dobbiamo ascoltare il giocatore. Lo aspettiamo tutti, lo sosteniamo. Mattia deve essere positivo. Ora mi sembra che stia bene dal punto di vista psicologico, una cosa importante per il suo ritorno.

Primo vero test per la Roma. C’è nello spogliatoio un po’ di paura di perdere?

Non c’è. Abbiamo giocato anche il derby, non mi piace dire che è la prima gara di livello. E’ sempre difficile vincere una partita, non esistono partite facili. Abbiamo vinto 6 partite sempre con momenti importanti durante la partita. Sicuramente l’Inter è una grande squadra, ci sono tanti talenti in campo da entrambe le parti. Vinca il migliore.

Si fida al 100% di questa Roma?

Al 200%. Vedo la rosa vivere insieme, quando segnano tutti sono felici, ti da sempre voglia di partecipare e aiutare il compagno. si gioca in 11 e forse di più, i 3 cambi che entrano durante la partita aiutano la squadra. Se si è d’aiuto ai compagni si fanno i risultati.

Non accade spesso che la Roma vada a Milano da capolista. La rende orgoglioso? Chi ha più da perdere dalla sfida di domani?

Dobbiamo essere orgogliosi di questo, ma è più importante è che questo primo posto dia più fiducia e convinzione alla squadra. non penso a un risultato negativo. Penso sempre positivo, così i giocatori vanno in campo con uno spirito positivo. Per ora, siamo primi, le cose possono cambiare, ma è importante continuare questa serie. Ci può dare altre convinzioni e motivazioni, non pensare al risultato e giocare bene, così potremo continuare questa striscia.

 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A