Il Tornatora

Fonseca: «Chi non regge le pressioni, cambi mestiere»

di Redazione

Il capitano sarà Edin Dzeko e a lui la Roma si affiderà per cercare di battere il Cagliari all’Olimpico. Fonseca, a Trigoria, dice chiaramente che la partita di oggi pomeriggio sarà complicata perché il Cagliari sta facendo «un eccellente campionato», ma dice anche tanto altro. In primis, a domanda sull’ambiente romano, sceglie di non utilizzare giri di parole. «Chi non è in grado di sopportare la pressione non può fare il professionista. Io vedo sempre un sostegno costante dei tifosi, ci seguono ovunque, ne dobbiamo essere orgogliosi. Chi non può reggerlo prendesse un pezzo di terra e andasse a coltivare le patate o altro, così si rilassa». La sua Roma oggi dovrà fare a meno di Zappacosta (operato venerdì a Villa Stuart, ieri era già in piedi e attraverso i suoi social ha ringraziato compagni, società e i tifosi che gli sono stati vicini), Florenzi febbricitante, Mkhitaryan, Perotti, Under, Pellegrini e Cetin. Scelte di formazione quasi obbligate, anche se alcuni dubbi ancora ci sono: a destra Spinazzola è favorito su Santon, al centro in difesa con Smalling ballottaggio tra Mancini e Fazio, a centrocampo ci sarà Diawara con uno tra Veretout e Cristante. L’altro, probabilmente l’italiano, agirà alle spalle di Dzeko come trequartista, mentre non partirà dall’inizio Pastore. Lo riporta il quotidiano Corriere della Sera.