Fondi e media company, Cairo: “Non freniamo”

La Gazzetta dello Sport – Il Torino ha votato per la conferma di Gabriele Gravina. Urbano Cairo, presidente del club granata, l’aveva annunciato in mattinata partecipando a “Radio Anch’io sport” su Radio 1. Nel suo intervento, però, Cairo ha anche affrontato il rischio della frenata per l’accordo sull’ingresso dei fondi private equity: “Abbiamo cominciato un percorso a giugno dello scorso anno e credo sia un’operazione molto strategica, che viene fatta per cambiare il modo di governare della Lega che ha avuto delle pecche in questi ultimi nove anni“.

Cairo insiste dunque sulla media company che dovrebbe nascere dall’accordo con il consorzio Cvs-Advent-Fsi. “Nel 2012 il monte totale dei diritti tv era pari a 900 milioni ed eravamo solo dietro alla Premier. Poi alcune scelte sbagliate e abbiamo fatto dei passi indietro, tanto che oggi il calcio italiano è al quarto posto, superato anche da Liga e Bundesliga. Eravamo favorevoli all’ingresso non solo perché portano risorse importantissime per il fatto di poter mettere a capo della Lega dei manager molto capaci come in altri sport”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A