Dzeko tra due fuochi

Il Tempo (A.Austini) – Il sentimento della Roma è diviso tra una classifica che sorride e il delicatissimo caso-Dzeko. Dipendesse da Fonseca, gli inutili minuti dei tempi supplementari in Coppa Italia sarebbero gli ultimi del bosniaco in giallorosso. La rottura, nella testa del tecnico, è insanabile, da ambo le parti. A Dzeko non piace Fonseca e viceversa, dopo avergli tolto la fascia da capitano adesso l’allenatore è pronto ad andare avanti senza di lui.

In questa diatriba la società si trova nel mezzo, Friedkin ha deciso di appoggiare Fonseca ma non può tenersi il giocatore più rappresentativo e costoso della rosa senza poterlo utilizzare. Da qui l’idea di metterlo sul mercato, in una corsa contro il tempo che scade lunedì prossimo alle 20. Tiago Pinto ha dato mandato all’agente del calciatore di cercare una squadra per Edin. In Italia solo Juventus e Inter sono possibili mete, ma i bianconeri cercano un giovane da mettere alle spalle di Ronaldo e i nerazzurri sono bloccati dalla trattativa per la cessione del club. Subito naufragato lo scambio di prestiti per sei mesi tra Dzeko e Eriksen: Roma e Inter lo farebbero, ma Suning ha stoppato ogni mossa. 

Si cercano acquirenti anche all’estero: stoppato sul nascere il possibile scambio con Mariano Diaz del Real, mentre a Guardiola non dispiacerebbe veder tornare Edin al Manchester City, ma che questo accada in 8 giorni è davvero complesso. E alla Roma servirebbe un sostituto. Se il mercato non dovesse portare a una soluzione, Tiago Pinto si spenderebbe per organizzare una pace tra il calciatore e Fonseca. Intanto la Roma ha praticamente chiuso per Reynolds, mentre oggi El Shaarawy farà un altro tampone: se negativo, via a visite e firma. Oggi giorno chiave per Fazio al Parma. 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A