Il Tornatora

Di Francesco: «Vedrete una Roma determinata e cattiva»

di Redazione

Leggo (F.Balzani) – Nel gelo di Kharkiv per «dare un senso diverso alla stagione» e iniziare il duro cammino verso i quarti di Champions. La Roma nella gara d’andata degli ottavi stasera in Ucraina affronterà lo Shakhtar Donetsk brasiliano che ai gironi è riuscito a fare fuori il Napoli. Per De Rossi (unico reduce dell’eliminazione del 2011) «passare questo turno ed entrare tra le prime 8 d’Europa cambierebbe un po’ la nostra stagione e poi si vedrà dove potremo arrivare. E per riuscirci dovremo essere determinati e cattivi». È venuto il capitano in conferenza al posto di Florenzi, rimasto in albergo per un virus intestinale e in forte dubbio per stasera. Altrimenti al suo posto ci sarà uno tra Bruno Peres o l’adattato Juan Jesus. «Speriamo di averlo disponibile – si augura Di Francescoma adesso non è pronto. Dipende da come starà stanotte (ieri notte, ndr)». Indipendentemente da chi giocherà, il tecnico si fida della Roma che in campionato ha inanellato tre vittorie di fila: «Una squadra in grande crescita e spero di vederla così anche in Champions». Si gioca a Kharkiv, la temperatura sarà intorno ai -8° ma il morale è alto come testimonia il tweet di Totti diretto a Monchi: «Il freddo non ci ferma!» e la risposta del ds: «Sempre al tuo fianco, capitano … per andare avanti, Daje Roma!!! Ps mi piace tanto il tuo capello!!!».

Ma la Roma sembra migliorata anche dal punto di vista fisico: «Abbiamo aumentato i ritmi per essere pronti adesso, ma non è che non volevamo fare bene prima come invece è successo. Adesso abbiamo convinzione, determinazione e cattiveria e questo deve essere fondamentale». Una grande mano però gliel’ha data Under: «Cercheremo di gestirlo nel migliore dei modi, ma scenderà in campo la Roma, non solo lui, che pure è in un momento molto importante. Nessuno è sicuro di giocare dall’inizio, neppure De Rossi perché ho deciso di tenere tutti concentrati. Lo Shakhtar è abituato a fare queste competizioni e ha qualità importante, ma stiamo vivendo questi ottavi con il giusto equilibrio e senza pensare al campionato». Annuisce De Rossi: «Abbiamo avuto un momento di difficoltà ma spero che ne siamo usciti. Siamo molto uniti sia tra di noi che con lo staff. Ce la giocheremo, non credo che avremo vantaggi particolari da questa loro sosta visto che anche nel 2011 era così e ci hanno eliminato. Rivincite? Non ne cerco». Qualche problema potrebbe invece crearlo il freddo: «Quello un po’ conta perché per noi è una cosa nuova, ma poi comunque si gioca in undici contro undici. Saranno importanti i primi 5 minuti, se il freddo fosse così decisivo squadre come lo Shakhtar o il Cska vincerebbero la Champions ogni anno, invece poi conta la qualità. E noi ne abbiamo».