Il Tornatora

Delusione e l’ombra di Paulo Sousa: per Di Francesco una vigilia lunghissima

di Redazione

La vigilia di Porto-Roma per Eusebio Di Francesco sarà molto lunga. Lui in questi giorni difficili non ha mai pensato di dimettersi, è molto deluso soprattutto per il brutto risultato nel derby ma con il lavoro cerca di trovare le forze per reagire. Come riporta il quotidiano Corriere dello Sport, ieri ha fatto il punto della situazione con le persone più vicine, sta ritrovando la serenità e sta provando a trasmettere ai propri giocatori la convinzione di poter accedere ai quarti di finale di Champions League. I rapporti con la società sono cambiati nelle ultime settimane a causa dei risultati ma c’è sempre grande rispetto per il professionista qual è. I dirigenti hanno sempre sostenuto l’allenatore e la squadra anche nei momenti più difficili come dopo la trasferta di Bologna. Il principale sostenitore di Difra è stato Monchi: il rapporto umano tra i due è rimasto ottimo ma l’avventura del d.s. alla Roma è ormai giunta al capolinea. Lo spagnolo sembra abbia già preso la decisione di lasciare Trigoria per andare all’Arsenal, ma ci sono anche altri estimatori. L’esonero di Di Francesco però potrebbe anticipare i tempi del divorzio. In caso sarebbero pronti Paulo Sousa, che domani sera dovrebbe assistere al Do Dragao, o Christian Panucci.