De Rossi: «Loro forti anche senza Ronaldo»

di Redazione

Stasera Daniele De Rossi toccherà quota 60 presenze in Champions League, sul fatto che sia una delle ultime bandiere ci sono pochi dubbi: «A Roma ho messo le radici. I calciatori sono lavoratori di passaggio un po’ ovunque, sono pochi quelli che rimangono tanto tempo». Il fantasma di Cristiano Ronaldo aleggia sul Bernabeu: «Ci sono talmente tanti calciatori forti che non avrò il sollievo di non vederlo. Giocare qui è diverso, in pochi stadi ho provato le stesse sensazioni, ci sarà un po’ di emozione. Esserci è un onore, non dobbiamo dimenticarlo». Come riporta il Corriere della Sera, per la Roma, però, l’impresa sembra proibitiva: «Lo scorso anno c’era ancora meno fiducia riguardo al passaggio del turno. Per ripetere la semifinale, evento accaduto due volte in novant’anni, ci vuole un grande impegno. Siamo i primi a chiedere di più a noi stessi: la notte col Barcellona è arrivata dopo mesi di lavoro, questa è una squadra nuova. Anche un anno fa venivamo criticati: io sono fiducioso, partite che sembravano più semplici sono andate male, fare una bella prestazione contro il Real Madrid può ricordare a qualcuno che solo pochi mesi fa siamo stati capaci di grandi cose. Di Francesco ha portato la squadra a risultati fantastici, ora non è contento come non lo siamo noi».