Il Tornatora

Dalla Chiara: “Ora sta al Campidoglio passare dalla teoria alla pratica”

di Redazione

Bruno Dalla Chiara, professore del Politecnico di Torino, ha rilasciato un’intervista a Il Tempo, nella quale ha parlato della situazione della mobilità nell’ambito del progetto dello Stadio della Roma. Queste le sue parole.

Professore, nella documentazione integrativa che il Campidoglio le ha spedito a gennaio, sono contenute enormi imprecisioni, errori grossolani, previsioni di interventi senza certezza di realizzarli, né sui tempi.
Il fil rouge del quesito è la differenza fra teoria e pratica, ovvero attuazione di ciò che viene promesso. Io parto da un presupposto di fiducia nei confronti degli interlocutori che abbiamo. Sarà poi il futuro a parlare. Che poi, per passare dalla teoria alla pratica ci vogliano investimenti, volontà e attuazione fino in fondo di ciò che si promette, è evidente: bisogna “starci dietro””.

In assenza di eventi clamorosi e imprevisti, di qui a tre anni lo Stadio sarà aperto e funzionante mentre, considerando i precedenti, appare poco realistico che le opere da Lei previste lo siano. 
“C’è una frase nella relazione: “eventuali deroghe dovranno essere singolar-mente valutate da esperti della materia, indipendente-mente dagli scriventi”. Tenga presenta una cosa: se anche lo Stadio non si facesse, questa ricerca dell’offerta plurimodale di mobilità dovrebbe essere comunque perseguita”.