Da 13 anni la Roma non perdeva un derby con 3 gol di scarto. 16^ gara stagionale chiusa con più di una rete al passivo

di Alessio Nardo

Pagine Romaniste (Alessio Nardo) – L’ennesima delusione. Una Roma a dir poco imbarazzante gioca il derby in modo blando e viene battuta da una Lazio umile e nettamente più in palla. Di Caicedo, Immobile e Cataldi le reti decisive che consentono a Simone Inzaghi di festeggiare la sua terza vittoria in otto stracittadine vissute da allenatore. Per Eusebio Di Francesco, invece, si tratta della prima sconfitta nel derby, dopo due successi e un pari.

La formazione giallorossa perde per la prima volta in campionato nel 2019, ponendo fine ad una serie di 8 risultati utili consecutivi (6 vittorie e 2 pareggi). L’ultima sconfitta risaliva al 22 dicembre scorso, 0-1 in casa della Juventus. Il ko nel derby mancava invece dal 30 aprile 2017, 3-1 con Keita Balde scatenato, autore di una doppietta, mentre in casa della Lazio, escluse le coppe, non si cadeva dall’11 novembre 2012 (3-2 con Petkovic e Zeman sulle due panchine). La Roma non perdeva una stracittadina con tre gol di scarto dal 10 dicembre 2006. Stesso risultato di ieri, 3-0: a segno Ledesma, Oddo su rigore e Mutarelli. I due allenatori erano Delio Rossi e Luciano Spalletti.

Il match di ieri è il primo del nuovo anno (7° da inizio stagione) chiuso senza gol segnati: interrotta la serie di 11 gare ufficiali di fila con almeno una rete all’attivo. La Roma, fragile e vulnerabile, continua a regalare gioie su gioie ai propri avversari. Sono 52 i gol subiti in 35 sfide stagionali, uno ogni 61 minuti di media: 19 nei primi tempi e ben 33 nei secondi, 14 nell’ultimo quarto d’ora di gioco (il 27%). 16 volte su 35, nel 46% dei casi, i giallorossi hanno incassato più di una rete nell’arco dei 90′. Quella di Aleksandar Kolarov è la terza espulsione da inizio anno, la prima per somma d’ammonizioni: le due precedenti, con rosso diretto, a carico di Luca Pellegrini col Viktoria Plzen e di Edin Dzeko contro la Fiorentina in Coppa Italia.