Cremonese, Bonato: “Io alla Roma? Sono state fatte delle chiacchiere, poi è cambiata la proprietà e lo scenario è mutato”

Bonato è stato uno dei nomi in orbita Roma durante l'estate

di Redazione

Il direttore sportivo della Cremonese, Nereo Bonato, ha parlato ai microfoni di tuttomercatoweb.com a proposito delle voci che lo vedevano vicino alla Roma in estate. Queste le sue parole:

“Il nostro mercato? L’obiettivo era dare continuità confermando chi aveva già fatto bene e poi ringiovanire un po’ l’organico con ragazzi di proprietà e così è stato”.

In generale che mercato è stato?

Un po’ per le tempistiche e un po’ per la situazione generalizzata non ci sono stati grandi movimenti. Le retrocesse non sono riuscite a vendere giocatori al di là di Tonali e Fares: gli organici sono rimasti forti ma il mercato è stato poco vivace. Ad eccezione del Monza che ha fatto una campagna acquisti molto importante. Così come la Reggina. Tutti comunque hanno cercato di rinforzarsi.

A cosa punta quest’anno la Cremonese?

L’anno scorso c’erano tante aspettative e in parte sono state deluse. Quest’anno abbiamo ringiovanito un po’ la rosa. Dobbiamo vivere alla giornata e capire settimana dopo settimana che squadra siamo. La delusione dell’anno scorso è ancora viva. Il quotidiano e le partite ci diranno cosa saremo in grado di fare. Da questa settimana inizia veramente il campionato e vedremo strada facendo.

Direttore, davvero poteva andare alla Roma prima del cambio di proprietà?

Sono state fatte delle chiacchiere, come tre anni fa. Però c’è stato il cambio di proprietà e quindi gli scenari sono mutati.

I colpi di mercato?

Hakimi all’Inter e Osimhen al Napoli: possono essere un valore aggiunto alle due squadre per le caratteristiche che hanno. Hakimi può dare dinamicità e profondità in fase di ripartenza. E Osimhen sa fare gol e ha una gamba importante.