Coronavirus, Gasperini: “In Lombardia siamo in difficoltà ma organizzati, mi chiedo cosa potrebbe accadere a Roma o a Napoli”

di Redazione

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha rilasciato delle dichiarazioni al quotidiano Il Corriere dello Sport. Tra gli argomenti trattati l’emergenza Coronavirus. Ecco le sue parole:

“Per quel che ci riguarda, nel giro di poche ore siamo passati dalla gioia per aver realizzato una grande impresa alla consapevolezza di vivere qualcosa di inimmaginabile. Sento soltanto le sirene delle ambulanze. State a casa, state in famiglia, non uscite. E da queste parti, in Lombardia, siamo sufficientemente organizzati, pur se in difficoltà. Mi chiedo cosa potrebbe accadere a Roma, a Napoli. Le abitudini sono importanti, e non solo per noi italiani la visione di una partita, una parentesi di leggerezza, può risultare addirittura terapeutica. Hanno voluto dare un segnale forte, bah. Bisognava andare avanti con le porte chiuse, io la penso così”.