Il Tornatora

Caso Strootman, giustizia è fatta

di Redazione

lazio-roma-rissa-strootman

Il Messaggero (S.Carina) – Una vittoria che vale più dei tre punti sul campo. La Roma ha ottenuto dalla Corte d’appello federale, presieduta dall’avvocato Attolico, la cancellazione della squalifica di due giornate di Kevin Strootman, disposta dal giudice sportivo Mastrandrea in primo grado, per la presunta simulazione nel derby dopo una trattenuta di maglia del laziale Cataldi. L’olandese sarà quindi a disposizione per le due sfide contro Milan (lunedì sera all’Olimpico) e Juventus (sabato 17 allo Stadium di Torino).

LE MOTIVAZIONI – Il ricorso della Roma, spiega la Corte sportiva d’Appello, è stato accolto perché «esaminati gli atti, la Corte stessa intende precisare che, in linea di principio, in tutti i casi di condotta simulatoria l’arbitro vede il fatto ma non percepisce, invece, la simulazione. Pertanto, in linea astratta, il mezzo della prova televisiva è sempre ammissibile laddove l’arbitro abbia visto un determinato fatto ma non abbia percepito la simulazione. Tuttavia, la norma federale in questione pretende che la simulazione abbia il carattere dell’evidenza, nel senso che la condotta simulatoria del calciatore non sia stata, in alcun modo, determinata dal comportamento di un avversario. Nel caso che ci occupa, non può, invece, escludersi che sulla caduta a terra del calciatore Strootman abbia inciso la condotta del calciatore Cataldi consistita nella trattenuta della maglia del primo, comportamento, quest’ultimo, valutato dal Giudice Sportivo come ‘uno dei presupposti comunque incidenti che hanno portato l’arbitro ad adottare il provvedimento di espulsione del giocatore’. Peraltro – scrivono ancora dalla Cortecome correttamente evidenziato dalla Società ricorrente (Roma, ndc), questa Corte non può entrare nel merito della sussistenza del rapporto tra causa ed effetto in un determinato episodio simulatorio». In questo caso, tra la strattonata di Cataldi e la successiva caduta di Strootman. Una decisione che accontenta la Roma ma che salvaguardia ancora parzialmente l’operato della Procura Federale, rappresentata ieri da uno dei vice di Pecoraro, il dottor Perugini, che durante l’udienza ha dato battaglia provando a difendere l’operato del giudice Mastrandrea (normalmente invece ci si limita a confermare la segnalazione, ndc), curiosamente l’uomo che presiedeva la Corte sportiva d’appello fino ad agosto. Nella sentenza sarebbe probabilmente servito, per evitare analoghi casi in futuro, una specificazione normativa che rendesse un po’ più impermeabile il ricorso alla prova tv da parte della Procura Federale. Per intenderci, una delimitazione ancora maggiore del raggio d’azione della Procura sulla materia. Non avendolo fatto, la possibilità di questi extra-referto anche in futuro sono dietro l’angolo.

SCONTRO ANTICIPATO – Un successo legale, quello firmato dal lavoro dell’avvocato Conte – portato avanti in accordo e con il supporto del dg Baldissoni e dell’ad Gandini – che ha reso felice il presidente Pallotta, soddisfatto «dell’apertura mentale che ha dimostrato di avere la Corte». In precedenza, proprio il dg giallorosso, dopo aver adombrato che in caso di conferma della squalifica si sarebbemessa «a rischio la regolarità del campionato», ha trovato il modo di replicare con ironia alla stilettata di mercoledì dell’ad MarottaBaldissoni è un tifoso romanista, si confronti con Gandini che conosce bene i regolamenti»): «Ha detto cose giuste perché sicuramente io sono un tifoso e anche abbastanza orgoglioso di esserlo. Ha anche detto che Gandini è serio, preparato e competente, e lo è assolutamente. Mi ha anche suggerito di confrontarmi con lui, ma in realtà già lo faccio tutti i giorni visto che lavoriamo insieme e pensavamo che questo Marotta lo sapesse. Visto che poi, è un grande e bravissimo dirigente, sa perfettamente quanto sia importante che le motivazioni discutibili che sono alla base di questa squalifica, non passino al vaglio della Corte perché sa che è un interesse di tutti mantenere la certezza del diritto». Con più di una settimana d’anticipo Juventus-Roma è già iniziata.