Bomber low cost. Roma, austerity sul mercato: in attacco Petagna o Pavoletti

di Redazione

Nessun sogno, ma la cruda realtà: per sostituire Dzeko la Roma non prenderà un giocatore di prima fascia. Dopo i primi colloqui tra Pallotta e la dirigenza a Londra, dove ieri è sbarcato pure il nuovo allenatore Fonseca e dove per coincidenza era pure De Rossi in viaggio con la figlia Gaia, è emersa la necessità di limare il monte ingaggi. A disposizione del nuovo ds quindi sarà messo un budget limitato e determinato sopratutto dagli incassi delle cessioni. Al momento il punto di riferimento resta Baldini visto che Petrachi non si è ancora liberato dal Torino. Lo stesso Pallotta domani potrebbe sbarcare a Roma per risolvere la questione, accogliere a Trigoria il nuovo tecnico e parlare con Totti. Nel frattempo però il mercato deve iniziare. A prendere il posto del 7° attaccante più prolifico della storia della Roma non saranno quindi né Icardi né Higuain. I due club continuano a trattare, ma alla fine i nerazzurri dovrebbero accontentare la Roma e arrivare ai 22 milioni richiesti magari con l’inserimento di una contropartita (Merola o Dalbert). E proprio 20-25 milioni saranno reinvestiti per trovare il nuovo numero 9. Nella lista di Petrachi ci sono nell’ordine: Pavoletti, Petagna e Andre Silva. Per il primo è stato proposto uno scambio con Defrel, il secondo convince di più. Nomi che non fanno sognare ma che potrebbero essere affiancati da un giocatore d’esperienza come Llorente o Rondon (entrambi a parametro 0) nel caso in cui dovesse partire pure uno tra Schick ed El Shaarawy. Lo riporta Leggo.