Curva Sud art. 9 P.R.

Nel corso della riunione di oggi dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, tra gli argomenti del giorno e’ stato affrontato anche il tema della “A.S. Roma away card”. In una nota l’organismo collegiale “ha ribadito con convinzione la necessita’ di supportare la societa’ capitolina nella corretta adozione di strumenti di fidelizzazione adeguati e rispondenti alla normativa di settore quale, appunto, la “away card”.

 

 

Secondo l’Osservatorio, infatti, l’efficacia di tale strumento di fidelizzazione non e’ stata vanificata dal mancato rispetto delle norme ma, piuttosto, da una strumentale interpretazione dell’iniziativa.

 

L’Away card, infatti, e’ stata sottoscritta da gruppi di facinorosi che si sono resi responsabili in varie occasioni di gravi illegalita’, anche compiendo atti prevaricatori all’interno dello stesso settore ospiti occupato dalla tifoseria giallorossa (14 aprile: Torino – Roma; 17 aprile: Inter – Roma (TIM cup); 4 maggio: Fiorentina – Roma (TIM cup); 12 maggio: Milan – Roma). Va peraltro rilevato – continua la nota – che la normativa di settore prescrive ai club il divieto di intrattenere rapporti convenzionali con organizzazioni di tifosi all’interno delle quali siano presenti daspati. L’applicazione di tale principio alla “A.S. Roma Club Away” determina l’esclusione dal programma di persone o gruppi che si trovino nelle cennate condizioni soggettive, tutelando, conseguentemente, le persone estranee agli episodi di intemperanza. In tal senso sono in corso accertamenti”.

 

 

Il rapporto di collaborazione tra l’Osservatorio e il club giallorosso e’ un punto importante per centrare l’obiettivo. “Con il contributo di rappresentanti dell’AS Roma – convocati per l’occasione – i componenti dell’Osservatorio hanno individuato una serie di interventi organizzativi, finalizzati ad evitare ulteriori provvedimenti prescrittivi per le prossime partite in trasferta della squadra giallorossa – continua la nota dell’Osservatorio -.

 

 

Per la gara “Sampdoria-Roma”, in programma il 25 settembre, e’ stato condiviso con la societa’ capitolina: 1. l’impiego di un congruo numero di steward al seguito dei tifosi in trasferta (con il compito aggiuntivo di relazionare in merito al comportamento della tifoseria all’interno sia nell’immediato alle Forze dell’ordine che ex post all’Osservatorio); 2. la trasmissione al GOS di Genova degli elenchi nominativi dei possessori della “A.S. Roma away card” acquirenti dei tagliandi per la gara in argomento; 3. la predisposizione di una campagna di sensibilizzazione, tesa a sottolineare i valori positivi e di rappresentanza insiti ai programmi di fidelizzazione. La decisione assunta – conclude la nota – va intesa come l’avvio di un percorso di legalita’ insieme al club capitolino che vedra’ l’Osservatorio impegnato a tutelare l’interesse della tifoseria sana e l’isolamento delle frange piu’ violente”.

 

 

AGI