Il Tornatora

La Gazzetta dello Sport – Florenzi show, visto Roma?

di Redazione

Quasi un anno fa – era il 22 maggio 2011 – Alessandro Florenzi faceva l’apparizione nel calcio dei grandi sostituendo Francesco Totti nell’ultima gara dello scorso campionato di Serie A contro la Samp. Tre minuti in campo per farsi conoscere dal grande pubblico, e poi riprendere la scalata al calcio che conta cominciata con la conquista dello scudetto Primavera da parte dei giallorossi allenati da AlbertoDe Rossi. A giugno la decisione di scartare il Livorno e sbarcare a Crotone (assieme all’altro romanista Pettinari), ma prima un intervento di appendicite per evitare stop indesiderati durante la stagione.

Che stagione – A due giornate dalla fine del campionato di B il 21enne Florenzi è uno dei giovani più interessanti della Serie B (e non a caso lunedì a Rimini ritirerà il premio da Sportitalia come miglior giovane del campionato) e questo grazie alle sue doti: duttilità e fiuto del gol. Anche se non sarà mai un attaccante, ha già messo a segno 11 reti in 34 presenze ricoprendo tutti i ruoli del centrocampo e vantando anche qualche presenza da difensore. Ammiratore di Fabregas (lo emula anche nella posizione in campo), da sempre tifoso romanista (i genitori vivono ad Acilia), spera di poter tornare a fine stagione nella capitale. Un elemento così non poteva certo sfuggire allo staff azzurro: 4 presente nell’Under 20 e sette nell’Under 21 con due gol all’attivo. “È un giocatore eccezionale, bravo a ricoprire più ruoli, anche dentro una partita”, ha detto di lui Ciro Ferrara dopo l’ultima fatica in Scozia. È ormai uno degli intoccabili tra gli azzurrini e valore aggiunto del Crotone assieme al brasiliano Caetano.

Decisivo  -Che Florenzi avesse i numeri lo si è visto subito dal ritiro nella Sila con i calabresi. Nel Crotone, che sabato scorso si è salvato aritmeticamente, prima Menichini lo ha impiegato mediano davanti alla difesa nel 4-2-3-1, permettendogli comunque di segnare quattro reti. Drago, invece, lo sta utilizzando interno destro nel 4-3-3ma sempre nella mediana ed ha quasi raddoppiato le reti (7 centri). Fondamentali i suoi gol contro il Grosseto (punizione all’incrocio al 94’) e la doppietta in casa del Padova. Spettacolare invece il gol in rovesciata all’Albinoleffe che sicuramente gli avrà fatto guadagnare parecchi estimatori. La Roma lo sta tenendo d’occhio, ma forse ha commesso un errore di valutazione concedendo il diritto di riscatto al Crotone invece del prestito secco. Vero pure che il Crotone è sicuramente la piazza giusta per giovani talenti vogliosi di affermarsi.

La Gazzetta dello Sport – Luigi Saporito