Il Tornatora

Garcia ai saluti, è caccia al sostituto. Pallotta boccia la soluzione-ponte

di Redazione

pallotta_sabatini

Il Corriere dello SportRudi Garcia prepara quella che potrebbe essere la sua ultima partita sulla panchina della Roma. La dirigenza ha di fatto sfiduciato il tecnico francese, ma non ha ancora scelto il successore. Nella conference call di mercoledì sera, al seguito dell’umiliante eliminazione dalla Coppa Italia, è arrivato l’input del presidente Pallotta, che ha dato l’ok alla ricerca di una soluzione alternativa per la panchina. Il numero uno giallorosso ha chiesto consigli anche a Joey Saputo, presidente del Bologna con il quale è in buoni rapporti. In ogni caso vuole avere un ruolo determinante nella scelta del futuro tecnico: non vuole un traghettatore, ma un allenatore di respiro internazionale, fuori dalle logiche di Roma, che però al tempo stesso accetti lo staff imposto dal presidente bostoniano.

La ricerca di un nuovo tecnico prosegue, ma l’impressione è che la dirigenza giallorossa si stia infilando in un vicolo cieco: ci sono stati dei sondaggi non ufficiali per alcuni allenatore, che però hanno avuto un esito negativo, tra chi non ha dato la propria disponibilità per soli 6 mesi e chi chiede ingaggi importanti per un incarico di natura temporanea.

Due sono le soluzioni che hanno più probabilità di andare in porto. La prima porta il nome Marcello Lippi, per soli 6 mesi in attesa che si liberi Antonio Conte (che però è nel mirino del Chelsea). La seconda è Luciano Spalletti, per il quale sono stati fatti diversi sondaggi già da mercoledì scorso, giorno del ko con lo Spezia, ma il tecnico di Certaldo, che la prossima settimana si libera formalmente dallo Zenit, chiede un contratto pluriennale. Resta in corsa anche la suggestione Marcelo Bielsa, molto gradita a Sabatini.